Skip to content

Centro storico

La rocca, le mura e le torri
La rocca, del secolo XIV, è posta alla sommità del paese e domina la distesa di colline fino ad Otricoli, Magliano e alla valle del Tevere fino al Monte Soratte. Essa è cinta da un circuito murario con una serie di torri, recentemente restaurate, che servivano per la difesa del castello e dei suoi abitanti. Nella parte bassa della cinta muraria è da segnalare quella che, probabilmente, costituiva l’antica porta d’ingresso al paese, detta comunemente “Trasanda”, la quale presenta un’apertura sovrastante che serviva per la difesa. Di particolare rilievo è la torre ovest, a pianta rettangolare, con volta “a botte” all’interno, e riutilizzata come edicola. La torre est invece si caratterizza per la pianta quadrata e per una serie di feritoie usate per la difesa, tramite l’utilizzo di archi e balestre, tipiche armi medievali. La torre sud, discretamente conservata nelle sue pareti esterne, doveva servire sia per l’avvistamento e la segnalazione, sia per la rapida comunicazione con il contado sottostante.

Chiesa di S. Nicola
Situata nel cuore del paese, è un edificio risalente alla fine del secolo XV o inizi del successivo, costituito da un vano rettangolare coperto a “a crociera”, con una grande cappella sulla sinistra, la quale, in origine, doveva rappresentare il nucleo della chiesa primitiva. La facciata presenta un portale “a tutto sesto” con due ornamenti: una cornice radiante al cui interno sono inserite le lettere IHS (nome di Gesù Cristo) ed un piccolo bassorilievo raffigurante il santo patrono Nicola in abiti episcopali. Al di sopra è una finestrella con ornato trilobato; sul tetto si erge il campanile “a vela” con due archi acuti e due campane bronzee. All’interno si conservano preziose tele seicentesche, un fonte battesimale e una vaschetta per l’acqua benedetta, entrambi scolpiti in pietra, risalenti al secolo XVI, ed alcuni affreschi scoperti di recente, in seguito a lavori di ristrutturazione.

Chiesa di S. Vittore
Situata lungo la strada che collega Poggio a Calvi dell’Umbria di fronte ad un’area boschiva attrezzata per sosta e pic-nic, l’attuale chiesa, recentemente ristrutturata, sorge accanto ai ruderi dell’antico eremo di S. Vittore. È un edificio risalente alla fine del secolo XIV, a pianta rettangolare con abside semicircolare all’interno e poligonale all’esterno. La facciata è costituita da un portale architravato e decorato da mensole, con campanile “a vela” sul tetto.