Skip to content

Gemellaggio

Dal giuramento di fraternità tra il comune italiano di Otricoli e il comune polacco di Mstòw, firmato, per la prima volta assoluta nella storia del nostro comune, il 7 Ottobre 2006 nella sala consiliare del comune di Otricoli:

“Noi sindaci Antonio Liberati e Zbigniew Wawrzyniak […]coscienti che l’autonomia locale significa spazi di libertà rispetto al potere centrale, ma che deve dare altresì un contributo essenziale, al di sopra delle frontiere,  considerando che all’ampliamento delle conoscenze e delle relazioni umane deve corrispondere anche un contemporaneo impegno ad edificare tutti insieme la casa comune europea, in questo giorno prendiamo solenne impegno di suscitare e mantenere relazioni permanenti non solo tra le nostre amministrazioni, ma anche e soprattutto tra le nostre rispettive popolazioni, al fine di assicurare una migliore comprensione reciproca, una cooperazione efficace, il sentimento vivo di un destino ormai comune […].”

A  4 anni da quel giuramento, l’impegno non solo è stato mantenuto, ma rinnovato periodicamente con gli scambi culturali delle rispettive delegazioni.  Quest’anno la delegazione italiana, guidata dal sindaco Nico Nunzi, è partita la sera del 29 Agosto 2010 e, dopo una visita a Vienna, è giunta a Mstòw il 31 Agosto. La delegazione è stata ospite del comune gemellato di Mstòw per una settimana, accolta dalle famiglie del luogo nelle loro abitazioni. L’esperienza ci ha permesso non solo di visitare un paese europeo con una storia importante tanto quella italiana, ma anche di crescere sia come individui che come comunità  grazie alla conoscenza di tradizione diverse dalle nostre. Dopo la visita di Graz, sede delle maggiori università austriache e con un centro storico patrimonio dell’Unesco, la delegazione è rientrata ad Otricoli l’8 settembre. Con queste foto non vorremmo solo raccontarvi un viaggio ma trasmettervi un’esperienza, perché come ha scritto un noto autore polacco, Ryszard Kapuscinski: “L’incontro è un evento che merita di essere ricordato e che può rappresentare un’esperienza profonda.”.

potete scaricare la galleria fotografica a questo link